Finché la barca va, lasciala andare (in Sardegna)

imageE anche quest anno si parte per le ferie, a cavallo della fedelissima moto tirata a lucido per l’occasione. Sveglia alle 5 con Betty che inizialmente si rifiuta di alzarsi e lo fa solo all’affermazione di USB “non c’è problema, prendiamo il traghetto notturno”. Panico, 12 ore di aria condizionata a manetta, accovacciati come cani sotto luci condannate a non spegnersi mai. In 2 minuti sono lavata, vestita e obbligo pure Betty a sorridere e non lagnarsi.

Direzione Sardegna, dopo avere girato (mentalmente) mezzo mondo, partendo dall’India (i miei desideri spirituali si sono liquefatti al pensiero di USB costretto ai 40 gradi umidi di Benares), per arrivare a Cuba (troppo stress), alla Croazia (Betty pretende di spiaggiare su lidi sabbiosi e non rocciosi), al Montenegro (2000 km di moto neppure nella prossima vita), alla Corsica (troppo cara). E così riapprodiamo nell’amata Sardegna. Del tipo stessa spiaggia (la nostra caletta e’ un must), stesso mare, in grado di quietare l’irrequieta Betty con la sua poesia commovente.

E poiché nella vita ci si mette alla prova, annettiamoci anche 6 giorni in barca a vela. Sperimentiamo la riconosciuta adattabilità di Betty e il suo amore per gli spazi angusti e condivisi. Mettiamo sopra ogni cosa l’essere pesce e il bisogno atavico di acqua e silenzi profondissimi. Ascoltiamo il consiglio della mia più cara amica che mi ha detto: in barca tu meno fai, meglio è per te e per gli altri.

Ho comprato una mezza dozzina di pastiglie e braccialetti anti nausea, scaricato una ventina di libri sull’inseparabile kindle e via.

Nei prossimi giorni diventerò una moderna Mariangela Melato e la sicilianita’ di USB prenderà il sopravvento. A chi come me ama  la Sardegna e la sua bellezza più aspra e sconosciuta, a chi e’ sempre al top in ogni situazione, a chi come USB ama esprimere le proprie opinioni in modo sempre molto british, dedico questo gioiellino della Wertmuller. Io sono nelle stesse spiaggia e mi sto arrampicando felinamente sulle stesse rocce.

 

 

 

Annunci

One thought on “Finché la barca va, lasciala andare (in Sardegna)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...